Pompe per trattori

Pompe per trattori

Impieghi principali

La semplicità, la rapidità di spostamento e l’economia impiantistica sono elementi che rendono queste pompe per trattori idonee per impianti di irrigazione mobili, per il funzionamento di macchine irrigatrici semoventi e per tutti quei casi di sollevamento d’acqua quando per azionarle si ha solo a disposizione la presa di forza di macchine motrici.

Costruzione

Parte idraulica del tipo centrifuga ad asse orizzontale a una o due giranti in serie. Bocche frangiate secondo norme UNI PN10, quella aspirante posta assialmente e quella premente radialmente con la possibilità di essere ruotata. Le giranti, del tipo radiale chiuso, sono equilibrate dinamicamente e idraulicamente. La tenuta è a baderna con flangia registrabile, l’albero in corrispondenza di essa è protetto da un riporto di cromo duro.Il moltiplicatore di giri, che serve anche da supporto pompa, è a una sola coppia di ingranaggi elicoidali realizzati in acciaio legato al nichel cromo cementati e temperati. Lubrificazione ad olio, le numerose alette di raffreddamento disposte sulla superficie della scatola contengono la temperatura di esercizio entro bassi limiti , garantendo un buon funzionamento. I rapporti di trasmissione standard consentono l’utilizzo della presa di forza da 540 a 1000 giri al minuto, esistono anche rapporti intermedi per consentire una maggiore possibilità di accoppiamenti.

Limiti d’impiego

Liquidi pompati: liquidi che non sono chimicamente aggressivi per i materiali che compongono la pompa. Max. contenuto di sostanze solide in sospensione 40 gr/m³ della durezza e granulometria del limo. Max. temperatura del liquido pompato 80 °C. Temperatura ambiente max 50 °C. Pressione max. di esercizio 1,2 volte la pressione max di funzionamento.

Tolleranze

Le caratteristiche di lavoro riportate sul catalogo sono state ottenute usando acqua a 15 °C ad una pressione atmosferica di 1 bar e sono garantite secondo le norme ISO.